AIR EFFECT



Dal canto straziante del cervo in amore al suono del tram ripreso dalle profondità del Po, ai rumori di Porta Palazzo... Tutto inserito all’interno di un flusso creativo che crea spazi, paradossi e contrapposizioni sonore innovative che si fondono con la chitarra distorta e gli effetti di Christian Fennesz.



Il progetto si chiama AirEffect, gli autori lo definiscono come "una scatola nera che riporta alla luce un mondo fatto di suoni in via di estinzione e di immagini di luoghi perduti, soundscape ambientale e cultura del suono e dei timbri, è musica live e elettronica".

Martedì 23 aprile, alle 21.00, AirEffect si presenta al CAP 10100 di Corso Moncalieri 18 in una veste nuova, grazie a un ospite d’eccezione e al suo sound internazionale: Christian Fennesz, chitarrista austriaco dal passato punk e ora attivo nell’ambito della musica elettronica, si inserisce nel tessuto sonoro e visuale del progetto dei due musicisti torinesi, per una collaborazione artistica di alto livello.

Sabato a Voci Fuori Campo ci ha raccontato meglio l'idea che c'è dietro il musicista Simone Bosco, che è uno degli autori. Ecco il suo intervento:








AirEffect è un progetto realizzato da Ozmotic in collaborazione con Musica 90, nell’ambito del progetto “Paesaggi Sonori” della Provincia di Torino.

Biglietti 8-10 € presso Circuito Vivaticket & InfoPiemonte – Via Garibaldi, 2.
Per ulteriori informazioni scrivere a info@ozmotic.it o visitare www.ozmotic.it

Nessun commento:

Posta un commento